Dr.ssa Cristina Battaglia

Dr.ssa Cristina Battaglia

 

La leggenda narra che nel 480 a. C  il re Salomone corteggiasse la regina di Saba facendole omaggio di Zaffiri dello Sri Lanka, provenienti da ghiaie dei dintorni della citta di Ratnapura (“citta delle gemme”, in cingalese).

Mentre i Persiani credevano che fossero i riflessi dello Zaffiro a conferire al cielo i suoi colori, inoltre la  gemma viene citata anche in alcuni passi della Bibbia :  In Esodo (24:10), il trono di Dio è lastricato di Zaffiri Blu di purezza celestiale. Lo Zaffiro Blu è anche una delle dodici “pietre di fuoco” (Ezechiele 28:13-16) incastonate nel pettorale del giudizio (Esodo 28:15-30). Come una delle dodici gemme poste nelle fondamenta delle mura della citta di Gerusalemme (Rivelazioni 21:19), lo Zaffiro è anche collegato all’Apostolo San Paolo.

Secondo la mitologia greca la gemma di nascita del mese di settembre fu portata per la prima volta da Prometeo. Si racconta infatti che nella stessa occasione in cui “prese in prestito” il fuoco, s´impossessò anche di uno Zaffiro Blu.

Da tutte queste mitologiche credenze si pensa che  lo Zaffiro Blu possa donare pace e serenità a coloro che lo indossano.

Estrazione: Sri lanka e Birmania.

Il significato del nome, origine: Il nome Zaffiro deriva dal latino “sappheiros”, che significa blu, altri dicono che deriva dall’ ebraico “sappir” (pietra preziosa) o dal sanscrito “sanipriya”. il termine indica una pietra preziosa scura, “sanipriya” significa “sacra a Saturno” e questa etimologia sarebbe accreditata dal fatto che, nelle credenze astrologiche indiane, lo Zaffiro è considerato la gemma di Saturno. In passato, nell’antica Grecia il moderno Zaffiro veniva probabilmente designato come “hyakinthos”.

La Chimica della pietra:  lo Zaffiro come il Rubino sono varietà colorate del minerale Corindone (cristalli di ossido di alluminio) il cui nome deriva dal termine sanscrito “kuruvinda”, che significa appunto Rubini e Zaffiri. Il Corindone produce anche gemme “allocromatiche”, cangianti dovute alla presenza di tracce di elementi come il  cromo, ferro e titanio, come pure le imperfezioni nei cristalli danno origine nell’insieme ad un  arcobaleno di colori.