Per cibi biologici si intendono tutti quei prodotti che provengono da Agricoltura Biologica. Quindi cosa si intende per per Agricoltura Biologica? Un sistema di produzione che rispetta la salute dell’uomo e dell’ambiente in tutte le sue diverse fasi, escludendo il ricorso a qualsiasi prodotto chimico di sintesi e a qualsiasi organismo geneticamente modificato, al fine di conservare e migliorare le caratteristiche del suolo e rispettare le forme di vita e la biodiversità.

Nell’agricoltura biologica riciclo e recupero sono le parole d’ordine ed è bandito l’uso di pesticidi, diserbanti, anticrittogamici e insetticidi di sintesi, sostituendoli con concimi naturali quali: letame o compost organico (derivato dalla decomposizione degli alimenti).

Il metodo di coltivazione biologica si differenzia da quello biodinamico in base alle tecniche di coltivazione.


Antiche tecniche quali il “sovescio” (sotterrare dopo la raccolta piante che arricchiscano il terreno) oppure utilizzare estratti di piante officinali come insetticidi vegetali sono propri dell’agricoltura biologica. Ad esempio si possono utilizzare piante come Equisetum Arvense, Ortica dioica, Valeriana e molte altre che, opportunamente macerate e spruzzate sulle colture, evitano così l’infestazione.
Anche l’utilizzo di insetti pronubi che trasportano polline da un fiore all’altro permettendo l’impollinazione favoriscono lo sviluppo dei frutti. Sostanze di origine minerale, animale e vegetale danno così origine alla “lotta integrata” per combattere infezioni e malattie delle piante coltivate. 


Anche l’allevamento di animali con metodo biologico per avere carni di elevata qualità consiste nell’escludere l’uso di antibiotici e ormoni e prevede di alimentare gli animali con mangimi non trattati chimicamente.

 

Quali sono i vantaggi nell’uso quotidiano di alimentazione biologica?

L’uso delle colture biologiche consente alle piante di sviluppare le proprie difese immunitarie naturali rendendo in questo modo frutta e verdura più ricche e sostanziose. L’uso abituale di alimenti “bio” permette un aumento della qualità e delle proprietà del sangue (grazie agli antiossidanti contenuti) e una minore quantità di tossine da smaltire. Alimentarsi biologicamente soprattutto nel bambino in fase di crescita significa appunto avere un sangue piu’ sano ed un minor effetto nocivo sui tessuti da parte di inquinamenti e sostanze tossiche.

Capacità antiossidanti

I risultati degli studi condotti hanno dimostrato che gli antiossidanti tendono ad avere un più forte impatto quando provengono da alimenti biologici. Frutta e verdura bio svolgono perciò un ruolo importante nella prevenzione di cancro, malattie cardiache, invecchiamento precoce, problemi oculistici, e malfunzionamenti cognitivi. Recenti ricerche suggeriscono anche che la scelta di alimenti biologici può portare non solo a una maggiore assunzione di antiossidanti ma anche alla riduzione degli effetti nocivi divuti all’esposizione a metalli pesanti e tossici ormai ubiquitari.

Riduzione dei pesticidi

Al fine di mantenere le colture non biologiche al riparo dai parassiti sono necessari i pesticidi. Questi sono composti da sostanze chimiche molto potenti e collegati a una serie di problemi di sviluppo, tra cui l’autismo. Quindi scegliere alimenti organici tiene a riparo i nostri figli, assicurandogli una crescita non influenzata da queste pericolose tossine soprattutto durante gli anni dello sviluppo.

Salute del cuore

Una maggiore quantità di tempo passato nei pascoli aumenta anche la quantità di CLA (acido linoleico coniugato) presente nei prodotti animali. Il CLA è un acido grasso, che si caratterizza per essere un’altra forma di acido omega-6, con diverse proprietà benefiche ad esempio quella di aumentare la protezione cardiovascolare.

Sistema immunitario

Negli ultimi decenni, uno dei più grandi progetti per molti agricoltori e coltivatori sono stati gli OGM. Fare pomodori giganteschi potrebbe sembrare una soluzione alla carenza di cibo in alcune aree del mondo ma c’è unaltra faccia della medaglia. Non conosciamo ancora gli effetti a lungo termine delle modificazioni genetiche sulla salute umana. Alcuni test hanno prelimiarmente dimostrato che gli OGM sembrano ridurre la resistenza del sistema immunitario.

Salute generale

Frutta e verdura bio non sono coltivate utilizzando fertilizzanti chimici ma grazie a fertilizzanti naturali, come il letame, che funzionano altrettanto bene e evitano che il nostro corpo assorba un eccesso di sostanze chimiche con effetti spesso non chiari nel medio e lungo periodo.

Gusto migliore

Alcune persone sono convinte che il cibo biologico abbia un miglior sapore e migliori proprietà organolettiche, e non sbagliano. Basti pensare che spesso è venduto a livello locale, a Km0. Questo vuol dire che i prodotti arrivano freschi sul mercato senza essere stati congelati, spediti e trasportati per lunghe distanze.

Sicurezza ambientale

In agricoltura biologica non sono utilizzate sostanze chimiche. questo riduce fortemente l’inquinamento del suolo, dell’aria e dell’acqua. Coltivare bio salvaguarda il nostro pianeta e mette in una certa misura al riparo le generazioni future da una parte della pesante eredità che stiamo accumulando a loro danno a causa delle nefaste conseguenze dello sfruttamento intensivo delle risorse che stiamo operando ad oggi.

Benessere degli animali

Il benessere degli animali è un aspetto molto importante della produzione di latte, carne, pollame e pesce biologici. Gli animali non trascorrono tutta la loro vita in gabbia e questo per chi li ama è una piccola consolazione.

Presso la Farmacia Ferregutti a Mendrisio e la Farmacia Del Corso a Chiasso, potete trovare dei prodotti biologici firmati AMORETERRA: la filiera AmoreTerra dà vita a prodotti salutari e ricchi di gusto, coltivando in Italia e realizzando i prodotti artigianalmente secondo le tradizioni regionali. Il nostro paniere è composto da pasta di grani antichi e grano duro, pasta proteica, farina da molitura a pietra, legumi pronti e secchi, semi e cereali, prodotti da forno, sughi, composte, miele e olive.