Il corpo ha bisogno di acqua. Perché?

Noi siamo fatti di acqua: ogni singola cellula ne è piena e il 70% del nostro peso corporeo è composto da liquidi. L’acqua garantisce infatti il funzionamento dell’organismo essendo la principale molecola del sangue e trasporta i nutrienti e l’ossigeno alle cellule.

Tramite le urine vengono poi portate via le scorie e le tossine.

L’acqua è indispensabile per digerire e mantenere costante la temperatura interna. Se perdiamo più acqua di quella che introduciamo, ci disidratiamo.

Se abbiamo perso dal 2 al 5% della nostra riserva idrica, ci sentiamo subito più stanchi, deconcentrati, di cattivo umore e vittime di forti mal di testa. La disidratazione, inoltre, compromette la funzionalità muscolare, portando a crampi e ad alterazioni nell’attività di muscoli importanti come il cuore.

Quali sono i segnali che siamo disidratati?

Esistono molti segnali ed è quindi difficile dare una risposta specifica. In linea di massima, la stitichezza, dolori muscolari, pelle secca, acne, bocca secca e il colore delle urine. Se le urine sono trasparenti o giallo paglierino è tutto a posto, altrimenti, se sono scure, significa che bisogna bere perché i reni stanno cercando di risparmiare acqua.

Le necessità di acqua cambiano a seconda dello stile di vita, delle caratteristiche individuali e delle condizioni esterne: chi mangia molto saporito deve bere di più, per eliminare l’eccesso di sale. Lo stesso vale per chi fa sport e deve reintegrare i liquidi persi sudando.

L’idratazione è ancora più importante durante le ondate di calore, ovvero i periodi caratterizzati da temperature particolarmente elevate, sempre più frequenti per via del cambiamento climatico.

Quanto dovremmo bere al giorno?

La quantità di acqua da consumare al giorno è compresa tra 1200 ml (6 bicchieri da acqua) e 2000 ml (10 bicchieri da acqua). Il consumo medio di 1500 – 1600 ml può essere ottenuto consumando: un bicchiere di acqua a colazione, due bicchieri di acqua a pranzo, due bicchieri di acqua a cena e mezzo litro di acqua lontano dai pasti.

Ovviamente il fabbisogno di acqua cambia dalle diverse situazioni come gravidanze, sport, ecc.